Comune di Salvirola

Piazza Marcora, 1 - 26010 Salvirola (CR)
Tel. 0373/72146 - Fax 0373/270171
E-mail: info@comune.salvirola.cr.it
Pec: segreteria.comune.salvirola@pec.it


Testata

Comune di

Salvirola

Colonna sinistra

Contatti

Comune di Salvirola


Piazza Marcora, 1

CAP: 26010

Tel.: 0373/72146

Fax: 0373/270171


Caselle di posta 

Caselle PEC


Fatturazione elettronica:
Nome ente: Comune di Salvirola
Codice univoco ufficio: UFUJ1V
Nome ufficio: Uff_eFatturaPA
Codice IPA: c_h731

Cerca nel sito

Iscriviti alla newsletter

Il tuo indirizzo di posta elettronica:



 

Link diretti

Albo pretorio Ufficio distaccato di Stato civile per matrimoni civili presso l'agritusimo Cà del Facco Link esterno al sito della Comunità Sociale Cremasca Dote scuola Calcolo IUC Link allo sportello SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) Gli eventi a Cremona e provincia a portata di clic Eventi in Lombardia MisterImprese, servizio di ricerca gratuito di imprese, negozi e  > professionisti in tutti i comuni d'Italia. Link al sito regionale della Protezione Civile Lombardia

Contenuto

Sei qui: Home > Territorio > Luoghi > Oratorio dei Ss. Rocco e Giacinto

Oratorio dei Ss. Rocco e Giacinto

L'oratorio di Villa Albera

La facciata

La prima notizia dell'oratorio presso il complesso di villa e cascina Albera risale al 1590, citato in un documento redatto dal parroco di Romanengo Cesare Dondoni, probabilmente innalzato prima di tale data dalla famiglia cremonese Borghi che aveva possedimenti in loco.

Ricostruito alla fine del XVII secolo dalla famiglia Schizzi, fu successivamente innalzato per ricavare nel sottotetto l'abitazione del cappellano. Quindi fu fondato un beneficio semplice per la celebrazione della messa quotidiana.

L'edificio, completamente restaurato, è collocato a sud-est di Villa Albera con la facciata rivolta all'esterno per permettere l'accesso ai fedeli, in posizione lievemente arretrata rispetto la strada.

Ha una facciata con due ordini: in quello inferiore è posto il portale d'ingresso con timpano semicircolare sopra il quale è posta una finestra incorniciata; due coppie di lesene laterali si innalzano come a sostenere la trabeazione e, in origine, un timpano. L'innalzamento ripropone le lesene che sostengono una seconda trabeazione ed il timpano finale. Al centro è collocata una seconda finestra centrale tamponata.

L'oratorio nel contesto urbanistico

Analogo schema stilistico è ripetuto sulle pareti laterali.

Torna in alto

Bibliografia

  • Giorgio Zucchelli, Le ville storiche del cremasco, terzo itinerario, Cremona, 2000

Torna in alto