Comune di Salvirola

Piazza Marcora, 1 - 26010 Salvirola (CR)
Tel. 0373/72146 - Fax 0373/270171
E-mail: info@comune.salvirola.cr.it
Pec: segreteria.comune.salvirola@pec.it


Testata

Comune di

Salvirola

Colonna sinistra

Contatti

Comune di Salvirola


Piazza Marcora, 1

CAP: 26010

Tel.: 0373/72146

Fax: 0373/270171


Caselle di posta 

Caselle PEC


Fatturazione elettronica:
Nome ente: Comune di Salvirola
Codice univoco ufficio: UFUJ1V
Nome ufficio: Uff_eFatturaPA
Codice IPA: c_h731

Cerca nel sito

Iscriviti alla newsletter

Il tuo indirizzo di posta elettronica:



 

Link diretti

Albo pretorio Ufficio distaccato di Stato civile per matrimoni civili presso l'agritusimo Cà del Facco Link esterno al sito della Comunità Sociale Cremasca Dote scuola Calcolo IUC Link allo sportello SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) Gli eventi a Cremona e provincia a portata di clic Eventi in Lombardia MisterImprese, servizio di ricerca gratuito di imprese, negozi e  > professionisti in tutti i comuni d'Italia. Link al sito regionale della Protezione Civile Lombardia

Contenuto

Sei qui: Home > Territorio > Luoghi > Oratorio di Santa Maria Maddalena

Oratorio di Santa Maria Maddalena

L'oratorio

La facciata

La prima citazione dell'oratorio di Santa Maria Maddalena presso Ronco Todeschino risale al 1588 e doveva trattarsi di un semplicissimo luogo di culto senza “intrata alcuna ne manco paramenti alcuni”. Nel 1601 ci viene descritta come un piccolo edificio quadrato, il soffitto a volta, una porta vicina all'altare e sobri arredi. Era priva di beneficio e la Messa era officiata da un frate carmelitano proveniente da Romanengo che poteva contare solo sulle elemosine.

L'attuale edificio è frutto di un ampliamento voluto dalla famiglia Piazzoni nella prima metà del XIX secolo. L'evento è riportato in un'iscrizione posta sulla facciata, oggi quasi illegibile, che recita: “Hocce sacellum / Sanctae Mariae Maddalenae Poenitenti / dicatum / Familia Piazzoni Bergomate / summo nata loco / cebsu proprio extruebat / anno [indecifrabile]”.

La chiesa si distingue per l'accesa colorazione gialla, come gran parte del complesso agricolo peraltro. La facciata in finto bugnato è divisa in due ordini: in quello inferiore è collocato il portale d'ingresso affiancato da due lesene che sorreggono una trabeazione.

Il campanile

Nel semplice ordine superiore, appoggiata al marcapiano, è posta una finestra semicircolare. Conclude la facciata un timpano triangolare.

La chiesa era sottoposta fino al 1934 alla parrocchia di Romanengo; con l'entrata in vigore del decreto di monsignor Giovanni Cazzoni – vescovo di Cremona – dal 1° giugno di quell'anno la chiesa e il complesso di Ronco Todeschino furono affidati alla parrocchia di Salvirola cremonese.

Torna in alto

Bibliografia

  • Ferruccio Caramatti, Da Ero a Salvirola, Pandino, 1995

Torna in alto