Comune di Salvirola

Piazza Marcora, 1 - 26010 Salvirola (CR)
Tel. 0373/72146 - Fax 0373/270171
E-mail: info@comune.salvirola.cr.it
Pec: segreteria.comune.salvirola@pec.it


Testata

Comune di

Salvirola

Colonna sinistra

Contatti

Comune di Salvirola


Piazza Marcora, 1

CAP: 26010

Tel.: 0373/72146

Fax: 0373/270171


Caselle di posta 

Caselle PEC


Fatturazione elettronica:
Nome ente: Comune di Salvirola
Codice univoco ufficio: UFUJ1V
Nome ufficio: Uff_eFatturaPA
Codice IPA: c_h731

Cerca nel sito

Iscriviti alla newsletter

Il tuo indirizzo di posta elettronica:



 

Link diretti

Albo pretorio Ufficio distaccato di Stato civile per matrimoni civili presso l'agritusimo Cà del Facco Link esterno al sito della Comunità Sociale Cremasca Dote scuola Calcolo IUC Link allo sportello SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) Gli eventi a Cremona e provincia a portata di clic Eventi in Lombardia MisterImprese, servizio di ricerca gratuito di imprese, negozi e  > professionisti in tutti i comuni d'Italia. Link al sito regionale della Protezione Civile Lombardia

Contenuto

Sei qui: Home > Territorio > Storia > Ronco Todeschino

Ronco Todeschino

  • Comune di Ronco Todeschino (sec. XIV - 1757)
  • Bibliografia

Comune di Ronco Todeschino (sec. XIV - 1757)

Ronco Todeschino, comune di «Albera ed Uniti», nelle mappe catastali del 1857.
Ronco Todeschino, comune di «Albera ed Uniti», nelle mappe catastali del 1857.

Alla fine del XIV secolo si ha notizia dell’esistenza del nucleo abitato di Ronco Todeschino, considerato già allora comunità indipendente.

Ronco Todeschino è citato tra i comuni del Contado di Cremona nel 1562 (Repertorio scritture contado di Cremona, sec. XVI-XVIII) ed elencato sempre tra i comuni del Contado nel 1634 (Oppizzone 1644). Nel “Compartimento territoriale specificante le cassine” del 1751 era una comunità della provincia superiore del Contado cremonese (Compartimento Ducato di Milano, 1751).

Dalle risposte ai 45 quesiti emerge che il comune, non infeudato, dipendeva in tutto e per tutto dalla città di Cremona e concorreva con la città al pagamento delle gravezze secondo la quota che le veniva assegnata; data la condizione di dipendenza dalla città, non aveva propri organi amministrativi, ma era governato dai deputati della città di Cremona: le imposte erano riscosse dall’esattore della città, mentre le pubbliche scriture erano redatte dal cancelliere della città.

Alla metà del XVIII secolo il comune era immediatamente soggetto alla curia pretoria di Cremona alla cui banca criminale il console, tutore dell’ordine pubblico, prestava giuramento.

All’epoca la comunità contava 79 anime (Risposte ai 45 quesiti, 1751; cart. 3053).

Nel compartimento del 1757 è aggregato ad Albera.

Torna in alto

Bibliografia

  • Autori vari, Collana Le istituzioni storiche del territorio lombardo, XIV-XIX secolo, volume Le istituzioni della cittˆà e della provincia di Cremona, Milano, 2000.

Torna in alto